30 anni e più di Protezione Civile a Novara, oggi si spegne Sandro Bertona. Colosso di altruismo e di buon esempio

Condividi sulla tua pagina social

di Alessio Marrari

Le esequie avranno luogo nella giornata di martedì 23 gennaio alle ore 14:15 presso la parrocchia di Sant’Agabio. Nella giornata di lunedì, alle ore 17.30 sarà recitato un rosario sempre presso la suddetta chiesa.

Raccolgo solo adesso le forze per scrivere e ci ho provato tutto il pomeriggio. Mi scuso con voi cari lettori se non lo faccio in terza persona ma questo articolo mi coinvolge affettivamente in quanto, Sandro Bertona, fu la persona che riuscì a trasmettermi il sentimento di passione, onestà e dedizione verso gli altri ed il mondo della Protezione Civile. Coordinatore responsabile e presidente del Gruppo Scorpion, onorata squadra di volontari addestrati da lui, in una delle nostre infinite chiacchierate, mi raccontò di come ebbe inizio il suo percorso lungo più di trent’anni. Sandro faceva il radioamatore, nutriva questa passione e, nel 1988, con un gruppo di amici, fondò l’attuale associazione a Vespolate. Tale passatempo, a cavallo degli anni ’80 e ’90, era una delle comunicazioni più usate, non esistendo ancora la diffusione dei telefoni cellulari. Tutti insieme entrarono a far parte della nascente organizzazione primordiale di Protezione Civile, all’interno della quale agli fu uno dei pionieri. D’altronde, aiutare gli altri era per lui un autentico tormentone, era vocato, e ciò, lo faceva respirare a tutti coloro che interagissero e collaborassero con lui. Specializzò l’associazione nel sistema di servizio emergenza radio tanto che poi fu istituito a livello nazionale un numero unico sulle tessere dei volontari identificato con il prefisso S.E.R e, dal 1989 fu presente nelle emergenze nazionali più delicate ed impegnative, Foligno, Macugnaga, Molise, San Giuliano di Puglia, ove ricevette una importante segnalazione di merito dal Dipartimento di Roma. Raccontò che, testuali sue parole, “nel 2009 (sisma dell’Abruzzo), siamo intervenuti nei primi giorni dell’emergenza (7 Aprile), chiamati dalla nostra Federazione (con tante altre associazioni S.E.R.) a gestire le comunicazioni radio d’emergenza alla Di. Coma. C. di Coppito (L’Aquila) occupandoci anche dei sopralluoghi e dell’installazione di ponti radio (3 della F.I.R. S.E.R.) per permettere le comunicazioni con i vari C.O.M. e con i Campi degli sfollati, nel mese di Ottobre dello stesso anno, siamo stati attivati sempre dalla nostra Federazione, su richiesta della Consulta Nazionale del Volontariato di PC a gestire il Campo sfollati di Preturo (campo sportivo) e collegati (altri 2) che ospitavano in tutto circa 500 sfollati, incarico espletato con la collaborazione di altre associazioni, appartenenti ad altre organizzazioni, con professionalità e competenza, pur essendo la prima volta che gestivamo un campo sfollati, questo è motivo di orgoglio e ci ha dato enorme soddisfazione, anche con vari riconoscimenti sia da parte delle autorità, sia (più importante) da parte degli stessi assistiti.” 

Ultimo saluto a Sandro Bertona: il nostro Capitano di Protezione Civile! Un esempio per l’Italia intera. from cittadinovara on Vimeo.

Nel sisma dell’Emilia, non avendo disponibilità di volontari, “purtroppo molti datori di lavoro non sono sensibili e noi tendiamo di più, a tutelare i volontari cercando di non fargli perdere l’impiego” raccontava, da inviare in emergenza, si è attivato su richiesta del nostro Blog, Cittadinovara.com, con un altra associazione (Claudia per l’Etiopia), per raccogliere aiuti a favore della popolazione che abitava la frazione del comune di Novi di Modena, Rovereto, in modo da soddisfare una richiesta di aiuto che una ragazza, residente a Novara ma originaria di Rovereto che aveva fatto a noi.  Sandro si rese conto subito dell’urgenza e si recò a fare un sopralluogo, notò emergenza e decise di intervenire autonomamente per portare generi di prima necessità e di sostegno. Ricordo ancora quanti tentarono di scoraggiarlo ma, lui, non si voltò certo dall’altra parte e motivò i volontari chiedendo molto di più. Nell’emergenza Emilia, in tanti  ci interfacciamo per la prima volta con i danni di un sisma e i riflessi dello stesso su una popolazione.

Ultima emergenza l’alluvione Sardegna e, Bertona, non mancò di interporsi con istituzioni ed associazioni, riuscendo a creare una cordata che coinvolse anche il Comune e la Banca Popolare di Novara.

Insomma una forza scatenata della natura, un uomo dalle risorse infinite vessato da un brutto male che lo colpì circa un anno fa e che lo ha spento questa mattina in una camera di ospedale, al “Maggiore” di Novara, dopo un calvario che non meritava. Le condoglianze del nostro blog vanno alla moglie Pinuccia, alla figlia Marcella, al genero Paolo ed i due nipoti.

Un uomo Sandro Bertona incapace di parlare alle spalle, piuttosto deciso a scontrarsi verbalmente al fine di aiutare i più bisognosi, pronto a chiedere scusa in caso di errore e sempre in  prima linea su tutti i fronti. Nel suo ultimo discorso d’auguri natalizi come referente e presidente del Gruppo Scorpion, invitò il mondo della politica cittadina a litigare meno e darsi da fare di più, dichiarando di amare la città di Novara sopra ogni cosa, come ama la sua associazione ed i suoi volontari, tutto trattenendo lacrime e commozione.

Un uomo vero! Esempio CONCRETO per noi amici e volontari di Protezione Civile.

Non ti dimenticherò mai!  

 

Share